Nuovo direttore generale per l’Agenzia del Farmaco. È Nicola Magrini

Nicola Magrini è il nuovo direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco.

A dare l’annuncio, su Twitter, il ministro della Salute Roberto Speranza.

«Ho nominato, con ok di tutte le Regioni, Nicola Magrini direttore generale di Aifa, l’Agenzia Italiana del Farmaco. Dal 2014 è segretario del comitato sui farmaci essenziali all’Oms. Torna in Italia per servire il nostro Paese. Il nostro SSN merita il meglio», ha scritto il ministro.

Piena sintonia sul nome di Magrini da parte delle Regioni.

«Grande soddisfazione per la nomina di Nicola Magrini alla guida dell’Aifa», ha dichiarato Sergio Venturi, presidente del Comitato di Settore Regioni-Sanità. «Si tratta di un grande esperto, riconosciuto a livello internazionale, che porterà tutta la sua esperienza nell’incarico di nuovo Direttore generale dell’Agenzia del farmaco. Voglio anche ricordare il legame di ricercatore con la regione Emilia-Romagna e il contributo al caso Avastin-Lucentis, garantendo sempre un lavoro all’insegna dell’uso corretto delle risorse pubbliche, a maggior ragione quando sono destinate alla salute», ha aggiunto.

Nicola Magrini
Nicola Magrini

Magrini è tra i maggiori esperti in Italia di valutazione dei farmaci, sviluppo delle linee guida e politiche farmaceutiche. Laurea in Medicina all’Università di Bologna e una specializzazione in Farmacologia Clinica all’Università di Milano, ha iniziato la sua attività di ricerca all’Università di Bologna e all’Istituto Mario Negri.

Ha fondato e diretto il CeVEAS (Centro per la Valutazione della Efficacia della Assistenza Sanitaria) dell’Azienda USL di Modena, struttura dedicata alla valutazione critica dei farmaci e al trasferimento delle informazioni a medici, decisori e cittadini.

È stato anche tra i membri fondatori del Cochrane Center italiano.

Dal 2014 è segretario del comitato per i farmaci di base dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Numerose gli attestati di stima al nuovo dg Aifa.

[continua…]

Carenze farmaci, il problema approda al Parlamento europeo
Arrivano gli 'xenobot', primi robot viventi fatti di cellule

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde