Tubercolosi. Oms: “Nel mondo si riduce il numero di decessi. Ma 3 mln di persone non ricevono cure. In Italia registrati 3.900 casi”

Nel 2018 sono decedute 1,5 mln di persone. Inoltre ci sono stati circa mezzo milione di nuovi casi di tubercolosi resistente ai farmaci. Ma per raggiungere l’obiettivo di porre fine all’epidemia entro il 2030 servono ancora passi in avanti: “Servono più finanziamenti”. I paesi più colpiti sono: Bangladesh, Cina, India, Indonesia, Nigeria, Pakistan, Filippine e Sudafrica

A livello globale, 7 milioni di persone sono state diagnosticate e curate per la tubercolosi – rispetto ai 6,4 milioni nel 2017 – consentendo al mondo di raggiungere una delle pietre miliari verso gli obiettivi della dichiarazione politica delle Nazioni Unite sulla tubercolosi che prevede di porre fine all’epidemia nel 2030. È quanto riporta l’ultimo rapporto mondiale sulla tubercolosi dell’OMS che rimarca anche come nel 2018 c’è stata una riduzione del numero di decessi per tubercolosi: 1,5 milioni di persone sono morte di tubercolosi nel 2018, in calo rispetto a 1,6 milioni nel 2017. Il numero di nuovi casi di tubercolosi è in costante calo negli ultimi anni.

Tuttavia, l’onere rimane elevato tra le popolazioni a basso reddito ed emarginate: circa 10 milioni di persone hanno sviluppato la tubercolosi nel 2018. “Oggi segniamo la posa della prima pietra miliare nello sforzo di raggiungere le persone che hanno perso i servizi per prevenire e curare la tubercolosi”, ha dichiarato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Questa è la prova che possiamo raggiungere obiettivi globali se uniamo le forze insieme”.

[continua…]

Al via la partnership tra Bms, Pfizer Alliance e Fitbit per la fibrillazione atriale
Istituto superiore di sanità alle Regioni, allerta sulle e-cig

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde