Studio Rivela: Cervello Umano si Espande di Generazione in Generazione

Un recente studio condotto dall’Università della California ha portato alla luce un’affascinante scoperta: il cervello umano sta crescendo di dimensioni di generazione in generazione. Secondo i risultati di questa ricerca, basata sull’analisi di oltre tremila risonanze magnetiche, le persone nate negli anni ’70 presentano volumi e superfici cerebrali significativamente maggiori rispetto a quelle nate negli anni ’30.

Lo studio, guidato da Charles DeCarli presso l’Università della California-Davis Health, ha coinvolto 3.226 partecipanti con un’età media di 57 anni, tutti nati tra gli anni ’30 e ’70. Attraverso la comparazione delle risonanze magnetiche eseguite tra il 1999 e il 2019, i ricercatori hanno osservato un costante aumento del volume e della superficie cerebrale nel corso dei decenni.

In particolare, sono emersi incrementi significativi nelle dimensioni di strutture cerebrali cruciali come la materia bianca, la materia grigia e l’ippocampo. Questa tendenza ha portato gli studiosi a ipotizzare un aumento della riserva cerebrale nelle generazioni più recenti, potenzialmente riducendo il rischio di demenza legata all’età.

Medici bocciano l'Autonomia Differenziata
Farmacia Ospedaliera 3.0: al Monaldi di Napoli fa Risparmiare Mezzo Milione

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde