Semaglutide: punto di svolta per i pazienti affetti da obesità

Secondo una ricerca pubblicata online sulla rivista The New England Journal of Medicine, la somministrazione di 2,4 mg di semaglutide a settimana è in grado di produrre una significativa diminuzione di peso nei soggetti sovrappeso o francamente obesi.

Lo studio ha coinvolto 1961 adulti con un indice di massa corporea pari a 30 o superiore, nessuno dei quali era affetto da diabete. Mediamente, per i pazienti a cui è stato somministrato il semaglutide, si è riscontrata una perdita di peso pari al 14,9%.

Secondo Rachel Batterham, dell’University College di Londra, esperta di trattamenti dell’obesità, si tratta di un importante punto di svolta. Nessun altro farmaco infatti, ha dichiarato Batterham, ha mai ottenuto risultati comparabili.

Le aziende Top 100 Global Innovators del pharma
Il punto sull'immuno-oncologia e le terapie innovative in Italia

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde