Sbalzi glicemici e gastrectomia: i risultati di uno studio italiano

Per 9 pazienti su 10, fra coloro che non hanno più uno stomaco a causa di tumore gastrico, si verificano sbalzi glicemici. È quanto dimostrato dal primo studio italiano volto ad analizzare la prevalenza della variabilità glicemica in persone che hanno subito la gastrectomia parziale o totale dopo un tumore allo stomaco.

La ricerca è stata promossa dalla Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo (SINuC) in collaborazione con il Gruppo Italiano di Ricerca sul Cancro Gastrico (GIRCG) e l’Associazione ‘Vivere senza stomaco, si può’ Onlus. I risultati sono stati presentati in occasione del 4° Seminario di Studi sulla Nutrizione nei Gastroresecati ‘Alimentazione e nutrizione nel paziente con tumore allo stomaco: capire bene per curarsi meglio’.

Lazio: nuovi aggiornamenti per il vaccino agli ISF presso l'hub di Valmontone
Biosensori e dati real-world: l'accordo di Janssen

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde