Proprietà curative dell’Echinacea, pianta sacra per gli Indiani d’America

Secondo un’antica leggenda, gli Indiani d’America scoprirono le proprietà curative dell’echinacea grazie all’osservazione della natura. Notarono, infatti, che gli alci la consumavano quando erano malati. Proprio da questa leggenda deriva il nome “radice dell’alce”.

Si tratta di una pianta considerata sacra e venerata dalle tribù locali ed ancora oggi è considerata di grande interesse medico.

Ma cos’è l’echinacea? È una pianta erbacea conosciuta anche come coneflower, originaria dell’America del Nord e arrivata in Europa nel XVII secolo. Questa erba veniva anticamente utilizzata per la cura di raffreddore, tosse e infiammazione del cavo orale ma anche come antidoto per il morso di serpenti o punture di insetto.

Arriva la bozza del nuovo protocollo contro il Covid
Farmaci: Weekly Update del 3 luglio

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde