Malattia di Parkinson, rivoluzione nella ricerca. Dai farmaci monoclonali un possibile vaccino

A cura del prof. Alfredo Berardelli, Direttore del Dipartimento di Neuroscienze Umane presso Università La Sapienza di Roma

Il futuro del trattamento della Malattia di Parkinson, come in generale di tutto il campo medico, si fonda sull’innovazione digitale che sta portando a sistemi di telemonitoring con valutazione in remoto che consentono di controllare le variabilità infradiane di questa malattia riguardo voce, mobilità digitale, marcia, equilibrio e tempo di reazione, con il miglioramento sia della valutazione clinica sia di quella longitudinale della terapia con una continuità di cura che si avvale di piattaforme di teleriabilitazione in via di diffusione in tutto l’ambito neurologico.

Alzheimer: farmaco sperimentale migliora la memoria nei topi
Manovra. Rush finale alla Camera, voto finale il 29 dicembre. Ecco tutte le misure per la sanità

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde