Linee guida per la cura del Long Covid

Bmj ha pubblicato i risultati degli studi sugli effetti a lungo termine del covid-19 in pazienti ospedalizzati e non ospedalizzati. Dalla sua comparsa a Wuhan, in Cina, il covid-19 si è diffuso in tutto il mondo. Al 4 luglio 2021, erano stati registrati oltre 183 milioni di casi confermati di covid-19 in tutto il mondo e 3,97 milioni di decessi. Prove recenti hanno dimostrato che una serie di sintomi possono persistere a lungo dopo aver contratto un’infezione da SARS-CoV-2, e questa condizione è stata definita Long Covid.

Gli studi hanno dimostrato che il Long Covid può colpire l’intero spettro delle persone con covid-19, da quelle con malattia acuta molto lieve a coloro i quali contraggono forme più gravi. Come il covid-19 acuto, il Long Covid può coinvolgere più organi e può colpire molti sistemi inclusi i sistemi respiratorio, cardiovascolare, neurologico, gastrointestinale e muscoloscheletrico.

I sintomi del covid lungo includono affaticamento, dispnea, anomalie cardiache, deterioramento cognitivo, disturbi del sonno, sintomi di disturbo da stress post-traumatico, dolori muscolari, problemi di concentrazione e mal di testa.

Leggi l’articolo tradotto in italiano da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

L'amaro sfogo delle farmacie in merito al Green Pass: ci siamo ridotti a copisterie
Mercato della farmacia: farmaco con ricetta torna ai consumi del 2020

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde