L’ATTESA INFINITA

Serve sempre più tempo per immettere sul mercato un nuovo farmaco contro il cancro

Possono passare più di 15 anni dalla scoperta alla commercializzazione

È il 1994. Sulle pagine di una rivista scientifica iperspecialistica, il Journal of Steroid Biochemistry and Molecular Biology, ricercatori dell’Institute of Cancer Research di Sutton nel Regno Unito descrivono l’azione farmacologica sulla prostata di due molecole denominate rispettivamente CB7598 e CB7627, che risulta essere più marcata di due composti già noti: il ketoconazolo il flutamide. Per queste caratteristiche le due molecole sembrano i candidati ideali per la terapia ormonale del tumore della prostata.

Trascorrono altri 4 anni prima che la molecola CB7598 compaia di nuovo nella letteratura scientifica. È il dicembre del 1998: i suoi effetti e il meccanismo di funzionamento finalmente diventano più chiari. Soprattutto CB7598 viene battezzata con un vero nome: si chiama abiraterone.

Valsartan Mylan: ritirati diversi lotti del farmaco per la presenza di sostanze cancerogene
Paracetamolo (tachipirina), rischi ed effetti collaterali del farmaco più venduto

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde