La rapidità di azione di esketamina candida la molecola a farmaco salva-vita

Molte delle molecole attualmente in commercio per trattare i maggiori disturbi della mente, in primis depressione e schizofrenia, sono ormai le stesse da molto tempo, ma esketamina potrebbe essere il capostipite di una nuova generazione di farmaci per affrontare gli episodi depressivi gravi

Durante il 39° Congresso nazionale della Società Italiana di Farmacologia (SIF) (Firenze, 20-23 Novembre 2019), il presidente della Società, Giorgio Racagni, farmacologo esperto in farmaci del sistema nervoso centrale, ha illustrato le caratteristiche di esketamina:

«Parliamo dell’enantiomero S della ketamina, vale a dire la stessa molecola, ma speculare, come le nostre due mani: molti farmaci, infatti, esistono in forma di due enantiomeri. Ciò significa che hanno medesima formula chimica, ma che nello spazio non sono sovrapponibili, bensì speculari tra di loro».

La ketamina è una molecola usata tradizionalmente come anestetico. L’enantiomero esketamina è la forma più attiva e induce effetti antidepressivi in tempi più rapidi rispetto ai farmaci antidepressivi sino ad ora in circolazione, che necessitano di una finestra di circa due settimane per dare i primi riscontri. Le formulazioni endovenosa e quella intranasale hanno effetto nel giro di poche ore: ecco perché, se usato tempestivamente, dal momento che previene idee suicidarie, come da studi in letteratura, lo possiamo definire un farmaco salva-vita per chi soffre di depressione.

«Per quanto riguarda la via di somministrazione – sottolinea Giorgio Racagni – la via intranasale, non invasiva, determina un effetto che si esprime già in 10-15 ore e dura una settimana. Riteniamo che per via della velocità della risposta questo farmaco possa prevenire idee suicidarie in pazienti gravi e resistenti, e per il suo effetto immediato possa essere considerato un farmaco anti-suicidio, un farmaco salva-vita».

La somministrazione può essere ripetuta per diverse settimane, per avere un effetto rapido e un beneficio prolungato per diverso tempo.

[continua…]

Epatite C. Quasi 200 mila i pazienti trattati
Carenza di ferro, colpisce 1 persona su 3 ma è sottovalutata.

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde