Inquinamento dell’aria e demenza: lo studio

Un recente studio pubblicato su BMJ ha analizzato il ruolo degli inquinanti atmosferici nella demenza, considerando le differenze nei fattori di studio che potrebbero influenzare i risultati.

La meta-analisi ha mostrato che il PM 2,5 potrebbe essere un fattore di rischio per la demenza, così come il biossido di azoto e l’ossido di azoto, sebbene con dati più limitati. L’ozono non ha evidenziato una chiara associazione con la demenza. Tuttavia, i risultati della meta-analisi sono soggetti a limitazioni che richiedono un’interpretazione con cautela.

Sono necessari ulteriori studi che valutino periodi critici di esposizione e inquinanti diversi dal PM 2,5 e studi che valutino attivamente tutti i partecipanti per i risultati. Nonostante ciò, i risultati attuali possono fornire importanti stime sul carico di malattia e negli sforzi normativi.

Leggi l’articolo tradotto in italiano da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

Abbott e Novo Nordisk lanciano sistema integrato per pazienti con diabete
Francia sentenza storica: legame tra lavoro notturno e tumore al seno

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde