Infezioni corneali da funghi, un allarme da 2mila casi l’anno

Gli specialisti della Società Internazionale Cornea, Cellule Staminali e Superficie Oculare (Sicsso) hanno evidenziato un aumento significativo delle infezioni oculari da Acanthamoeba e funghi, specialmente tra gli utilizzatori di lenti a contatto morbide.

Queste infezioni possono portare a cheratiti gravi, con il 50% dei casi che non risponde alle terapie mediche convenzionali, spesso richiedendo un intervento chirurgico come il trapianto parziale di cornea, noto come DALK. Questa procedura innovativa, praticata con successo in Italia da chirurghi rinomati come Vincenzo Sarnicola, ha dimostrato un tasso di successo del 99% se eseguita tempestivamente, salvando i tessuti oculari compromessi e minimizzando i rischi di rigetto.

Questi risultati pionieristici hanno posto l’Italia in una posizione di leadership nel campo delle tecniche chirurgiche oculari avanzate, con un alto numero di trapianti parziali di cornea eseguiti annualmente, rappresentando un importante traguardo nell’innovazione medica oftalmologica a livello globale.

Giappone lo scandalo sull’azienda Kobayashi, 80 decessi “potenzialmente legati”
Stima sui farmaci più venduti in estate

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde