Ictus: neuroriabilitazione più efficace grazie a opere d’arte e realtà virtuale

È stato pubblicato un interessante studio sulla rivista Frontiers in Psychology, condotto presso la Fondazione Santa Lucia Irccs, in collaborazione con i ricercatori dei dipartimenti di Psicologia e di Ingegneria meccanica e aerospaziale della Sapienza e di Unitelma Sapienza.

La ricerca ha permesso di combinare i più grandi capolavori dell’arte e la realtà virtuale. L’obiettivo è quello di potenziare la riabilitazione in pazienti che in seguito ad un ictus hanno subito la perdita o la riduzione della mobilità di un braccio o di un lato del corpo.

Sono stati organizzati due gruppi. Nel primo, ai pazienti è stato chiesto di muovere un cursore per “dipingere” su una tela virtuale che, grazie ai movimenti, permetteva di scoprire un capolavoro artistico. Nel secondo, la tela virtuale era invece completamente bianca.

I pazienti del primo gruppo hanno presentato performance migliori oltre ad un minore affaticamento al termine della terapia.

Il punto sugli anticorpi monoclonali
Regione Veneto: consentito accesso a ISF all'Azienda ULSS8 Berica

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde