Farmaci e incidenti, in 10 anni solo 78 casi in Europa

L’Agenzia europea dei medicinali ha reso noto un report sul numero di incidenti dovuti a farmaci che nell’ultima decade sono stati meno di 80

In una decade solo 78 incidenti legati ai farmaci, almeno secondo l’analisi dell’Agenzia europea dei medicinali che sul tema ha pubblicato un report. L’analisi emerge delle attività di sorveglianza e valutazione di un network (chiamato Incident review network) di enti tra cui la Commissione Ue, le agenzie nazionali e dai comitati dell’Ema.

I dati

Con un 70% dei casi notificati dagli organismi europei per prodotti autorizzati a livello centrale e nazionale, il grosso degli incidenti ha riguardato soprattutto la sicurezza (56%) e in minor misura la qualità (34%) dei farmaci. Sugli esiti finali degli incidenti gestiti dal network, il 50% ha comportato una variazione dell’Aic e delle misure di minimizzazione del rischio del medicinale. Nel 10% dei casi c’è stata la sospensione e nel 9% la revoca dell’autorizzazione al commercio.

Il network

Il Regulatory network incident management plan (Eu-Imp) è stato creato nel 2009 per coordinare e armonizzare la vigilanza di tutti gli organismi europei in fatto di incidenti farmaceutici. Gli incidenti (ossia tutto ciò che può essere pericoloso per la salute pubblica) vengono gestiti in maniera routinaria attraverso i processi di sospensione, revoca o cambiamento dell’Aic.

Telemedicina e terapie digitali: la strada verso un Ssn connesso è ancora lunga
No dalla Camera all'antinfluenzale in farmacia

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde