Enea brevetta processo per estrarre torularodina: benefici per farmaceutica e nutraceutica

Enea, attraverso il suo Centro Ricerche La Trisaia di Matera, ha brevettato un processo rivoluzionario per estrarre la torularodina, un carotenoide con proprietà antitumorali e antiossidanti, da lieviti rossi. Questo processo, facilmente trasferibile su scala industriale, offre vantaggi significativi per l’industria farmaceutica e nutraceutica.

Secondo gli esperti, la torularodina supera il beta-carotene nell’eliminazione dei radicali liberi, conferendole effetti positivi contro il cancro e le malattie neurodegenerative. Il processo di estrazione selettiva della torularodina utilizza la CO2 supercritica in due fasi, garantendo un recupero della sostanza pari o superiore al 95% dei carotenoidi totali.

Ciò non solo rende il processo più efficiente, ma anche ecologicamente sostenibile, poiché valorizza gli scarti agro-alimentari per la produzione di lieviti rossi e favorisce la cattura di CO2 dall’atmosfera, contrastando i cambiamenti climatici. Inoltre, questo metodo estrattivo non invasivo minimizza l’uso di solventi nocivi e la produzione di scarti di difficile smaltimento, mantenendo le molecole termolabili intatte grazie alle basse temperature utilizzate.

Top 5 Trend del Medical Marketing per il 2024
Sarah: Assistente Virtuale dell'Oms Risponde alle Domande di Salute con AI

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde