E. coli. Rischio maggiore dall’igiene delle mani

Uno studio condotto in Gran Bretagna, che ha effettuato il sequenziamento dei genomi di campioni sia umano che animali, ha individuato come il Dna mostrato da un ceppo resistere E.coli resistente fosse particolarmente nei campioni umani. Questa evidenza mette sotto una nuova luce la capacità di adattamento del batterio.

Uno dei modi migliori per ridurre le infezioni da E.coli antibiotico-resistenti è quelli di lavarsi le mani dopo aver usato il bagno. I focolai di E.coli – un’infezione potenzialmente fatale – sono generalmente legati a carne poco cotta o verdure crude. I ricercatori della University of East Anglia – guidati da David M. Livermore – hanno effettuato un’analisi genetica su migliaia di campioni, riscontrando che la maggior parte delle infezioni da E.coli sono causate da un ceppo spesso rilevato nell’intestino umano e nei liquami, ma poco comune nei cibi.
 Ciò indica che principalmente l’infezione si diffonde in conseguenza della trasmissione da una persona all’altra di particelle fecali.

Lo studio. 
David M. Livermore, microbiologo clinico presso la University of East Anglia, hanno effettuato il sequenziamento dei genomi su campioni raccolti nel 2013 e nel 2014 da persone, animali e liquami in cinque aree: Londra, East Anglia, Inghilterra nordoccidentale, Scozia e Galles. I campioni che hanno messo a confronto provenivano da infezioni del sangue negli esseri umani, feci umane, liquami animali e alimenti come manzo, maiale, pollo, frutta e verdura.

[continua…]

Leucemia linfatica cronica, Fda approva acalabrutinib
Dispositivi medici e farmaci hanno bisogno di una nuova governance

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde