Dopo 20 anni di ricerche, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus Ebola

Dopo oltre due decenni di ricerche è stato finalmente approvato in Europa il primo vaccino per l’immunizzazione attiva di individui di 18 anni e più a rischio di infezione da virus Ebola. La decisione è stata presa dalla Commissione europea appena un mese dopo aver ricevuto il parere positivo dei propri esteri. Frutto della ricerca di MSD, sarà messo in commercio con il marchio Ervebo (rVSVΔG-ZEBOV-GP).

“L’autorizzazione all’immissione in commercio di Ervebo da parte della Commissione Europea è il risultato di una collaborazione senza precedenti di cui il mondo intero dovrebbe essere orgoglioso”, ha dichiarato Ken Frazier, presidente e amministratore delegato di MSD. “È una pietra miliare storica e una testimonianza del potere della scienza, dell’innovazione e del partenariato pubblico-privato”, ha aggiunto Frazier, precisando che l’azienda lavorerà con la Food and Drug Administration negli Stati Uniti e le agenzie di regolatorie in un certo numero di paesi africani per ottenere la licenza del vaccino.

La Commissione europea ha dichiarato che l’autorizzazione di un vaccino è stata una priorità dopo la devastante epidemia in Africa occidentale nel 2014-2016, quando più di 28mila persone erano state infettate e più di 11mila erano morte. Rimane il più grande focolaio di Ebola nella storia conosciuta.

Per il direttore esecutivo Ema, Guido Rasi, è “un passo importante per alleviare il peso di questa malattia mortale” e “la raccomandazione è il risultato di molti anni di sforzi globali collaborativi per sviluppare nuovi medicinali e vaccini contro l’Ebola”. L’attuale epidemia di Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) ha infettato oltre 3mila persone con tassi di mortalità di circa il 67%.

“Questo vaccino ha già salvato molte vite umane nell’attuale epidemia di Ebola, e la decisione del regolatore europeo lo aiuterà a salvarne molte altre”, aveva dichiarato qualche settimana fa il dottor Tedros, Direttore Generale dell’Oms. “Sono orgoglioso del ruolo che l’Oms ha svolto, dal sostegno alla ricerca, allo svolgimento della sperimentazione in Guinea nel 2015”.

[continua…]

Ritirato dal mercato, su tutto il territorio nazionale, ulteriore lotto medicinale influenzale dalle farmacie
Vitamina D: Da Aifa un video e le Faq per operatori e cittadini

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde