Covid: scoperto farmaco che spegne l’esagerata risposta infiammatoria polmonare

È stato recentemente pubblicato uno studio italiano sulla prestigiosa rivista americana Journal of Clinical Allergology. La ricerca è stata svolta in collaborazione tra Ospedali Galliera e Istituto Giannina Gaslini e ha rivelato che i farmaci anti-reumatici sembrano essere in grado di inibire una risposta infiammatoria esagerata.

Lo studio è partito dalla raccolta dei dati di 128 pazienti dell’Ospedale Galliera nel periodo della prima ondata della pandemia, ossia nei primi mesi del 2020. i farmaci anti-reumatici, come gli inibitori di interleuchina-1, possano essere utili nei casi più severi di Covid-19, in presenza di importanti infiammazioni, specie se assunti in associazione con il cortisone.

Allarme chirurghi italiani: difficile recuperare interventi rimandati
Riscrittura del codice genetico dei batteri: novità per lo sviluppo di farmaci

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde