Cardiologia, Janssen e Apple danno il via a studio per rilevare la fibrillazione atriale tramite iPhone e Watch

Janssen ha dato il via a uno studio clinico in collaborazione con la Apple che si baserà sull’impiego di iPhone e Apple Watch che dovrebbe aiutare ad acquisire una migliore comprensione del funzionamento del cuore. Denominato Heartline, lo studio è progettato per il rilevamento precoce della fibrillazione atriale e quindi per la riduzione del rischio di ictus.

Per essere arruolati nel trial, che non prevede l’impiego di farmaci, gli individui dovranno avere 65 anni o più, essere residenti negli Stati Uniti, avere una copertura Medicare, possedere un iPhone 6s o un modello successivo e accettare di fornire l’accesso ai dati. L’obiettivo è costruire una coorte di 150mila persone. Il programma è stato sviluppato da Janssen in collaborazione con Apple e la società di ricerca Evidation Health.

“Heartline è uno studio che ha il potenziale di cambiare radicalmente la nostra comprensione di come gli strumenti digitali per la salute, come l’app ECG e la funzione di notifica del ritmo irregolare su Apple Watch, potrebbero portare a una diagnosi precoce della fibrillazione atriale, aiutando i pazienti a comprendere e a impegnarsi direttamente nella loro salute cardiaca, stimolando conversazioni potenzialmente salvavita con i loro medici e migliorando i risultati di salute”, ha detto C. Michael Gibson, co-presidente del comitato esecutivo dell’app e dello studio e professore di medicina alla Harvard Medical School.

Lo studio randomizzerà i partecipanti a due gruppi: uno che utilizzerà solo l’app Heartline Study, e un altro che utilizzerà l’app più un Apple Watch, insieme alle sue funzioni di notifica dell’ECG e dell’aritmia. Non verranno somministrati farmaci nell’ambito dello studio.
Nei prossimi due anni, gli utenti riceveranno ogni settimana, attraverso l’app, educazione alla salute del cuore, consigli sul benessere e sondaggi, senza la necessità di recarsi in un sito di ricerca clinica, seguiti da un ulteriore anno di raccolta dati basati sulle indicazioni di Medicare.

“Grazie a questa importante collaborazione con Apple, siamo pionieri di nuovi modelli che speriamo possano abbattere alcune delle barriere più comuni alla partecipazione agli studi clinici”, ha dichiarato Paul Burton, vice presidente degli affari medici per la medicina interna di Janssen, Paul Burton.

Il programma fornirà anche formazione continua, consigli, sondaggi e questionari su molti argomenti relativi alla salute generale del cuore durante i due anni di impegno attivo.

[continua…]

Coronavirus, «dare garanzie al lavoro» anche per le P. IVA
Coronavirus. La lezione della “paura”

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde