Cancro e malattie cardiovascolari causate dai farmaci per il bruciore di stomaco, i risultati di uno studio

I farmaci comunemente usati per bruciore di stomaco, reflusso acido e ulcere possono aumentare le malattie cardiache e il cancro allo stomaco. A rivelarlo è un nuovo studio che mette in guardia quanti usano quei farmaci chiamati inibitori della pompa protonica (PPI). I medici prescrivono spesso questi farmaci per trattare quelle condizioni gastrointestinali che comportano un eccesso di produzione di acido. Più di 15 milioni di persone negli Stati Uniti prendono gli IPP. 

Il nuovo studio, apparso sulla rivista The BMJ, rivela che questi farmaci possono aumentare il rischio di morte per varie condizioni di salute croniche. I ricercatori hanno esaminato i dati disponibili da metà 2002 a metà del 2004, un periodo durante il quale 157.625 persone hanno ricevuto prescrizioni PPI dai loro medici e 56.842 persone hanno ricevuto H2 bloccanti, un altro tipo di soppressore dell’acido. Gli scienziati hanno seguito clinicamente i partecipanti per un decennio. I ricercatori hanno stimato che durante il periodo di follow-up ci sarebbero state 45.2 morti in eccesso ogni 1.000 individui che assumono PPI. I risultati hanno anche rivelato un’associazione con malattie cardiovascolari, cancro allo stomaco e malattia renale cronica.

Bayer e Arvisan l'accordo per sviluppare una nuova proteina
Parkinson: la delibera della giunta regionale della Toscana per assicurare la disponibilità dei farmaci

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde