Biologi russi scoprono arma segreta in anticorpi anti-cancro

Gli anticorpi che aiutano il sistema immunitario a riconoscere le cellule cancerose hanno un’altra caratteristica interessante: interferiscono con il lavoro di alcune proteine all’interno del tumore e contribuiscono all’accumulo di tossine al suo interno. Questo è stato scritto da genetisti russi in un articolo pubblicato sulla rivista Bioessays.

“Grazie agli anticorpi, abbiamo scoperto nuovi approcci al trattamento del cancro basati sul controllo dell’attività dell’aldeide deidrogenasi nei pazienti, suggerendo che sopprimere l’ossidazione della formaldeide può migliorare la terapia antitumorale”, ha detto Yuri Dorokhov dell’Istituto di genetica generale RAS a Mosca.

Negli ultimi anni, biologi molecolari e medici hanno iniziato a nutrire speranze nella cosiddetta immunoterapia nella lotta contro il cancro, le allergie, il diabete e altre malattie ancora incurabili. È molto semplice nella sua essenza: gli scienziati stanno cercando di spingere il sistema immunitario a combattere le cellule tumorali usando vari anticorpi, microbi vivi e una serie di altre insolite “esche”.

Diabete: cuore a rischio per chi usa questi famosi farmaci, causano infarto e ictus
Maggior rischio di morte nei bambini trattati con antipsicotici ad alto dosaggio

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde