Attività ricreative: ecco quali riducono il rischio di demenza

Le attività ricreative, come leggere un libro, fare yoga e trascorrere del tempo con la famiglia e gli amici possono aiutare a ridurre il rischio di demenza. A evidenziarlo è una nuova meta-analisi pubblicata nel numero online di Neurology del 10 agosto 2022 . La meta-analisi ha esaminato gli studi disponibili sugli effetti delle attività cognitive, fisiche e sociali e sul rischio di demenza.

Studi precedenti hanno dimostrato che le attività ricreative erano associate a vari benefici per la salute, come un minor rischio di cancro, una riduzione della fibrillazione atriale e la percezione del proprio benessere“, ha affermato l’autore dello studio Lin Lu, Ph.D. , dell’Università di Pechino.

Tuttavia, ci sono prove contrastanti del ruolo delle attività ricreative nella prevenzione della demenza. La nostra ricerca ha rilevato che le attività ricreative come fare artigianato, praticare sport o volontariato erano collegate a un rischio ridotto di demenza“.

Leggi l’articolo tradotto in italiano da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

Vitamina D e fratture: lo studio che fa discutere
Aboca: accordo da 33 milioni e mezzo con CDP e Credite Agricole

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde