Arriva il tatuaggio elettronico che monitora l’integrità delle protesi

L’Università Tor Vergata di Roma ha ideato un tatuaggio elettronico da applicare alle protesi, in grado di rilevare il loro stato di integrità, prevenendo eventuali lesioni. Le protesi sono realizzate con l’obiettivo di mantenere una lunga tenuta nel tempo, tuttavia, dati alla mano, circa il 5-10% di esse presenta cedimenti prematuri.

Alla base del problema vi è la formazione di micro-fratture causate dell’utilizzo. Queste possono essere rilevate solamente durante i controlli periodici e con l’utilizzo di macchinari specialistici tramite raggi X o risonanza magnetica nucleare.

Nei cari peggiori, però, è il paziente stesso a segnalare la presenza di dolore, nel momento in cui la protesi si trova già in uno stato di danneggiamento avanzato e richiede pertanto un intervento di revisione, diversamente evitabile.

Furto e riciclaggio medicinali: al via progetto europeo guidato da AIFA
Stop al green pass in ambulatori, ospedali e farmacie?

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde