Spesa farmaceutica, Gatta “Pediatri devono poter curare i bambini senza timori di sanzioni”

Nota del vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta (Forza Italia).

“Non posso non raccogliere il grido di dolore dei Pediatri, che in una loro missiva denunciano di essere costretti ad un’odiosa scelta che cozza con ogni principio etico della Medicina: davanti al paziente, in questo caso bambino, c’è sempre il diktat del contenimento della spesa farmaceutica. Le Asl, infatti, che ben potrebbero incidere su altre spese, spesso incontrollate, sanzionano duramente i medici pediatri di famiglia, qualora sforino il budget pro-capite di spesa per i farmaci, trasmettendo loro, ogni mese, report puntigliosi di reclami sul numero delle prescrizioni effettuate. Molti pediatri sembra siano già stati chiamati dagli uffici per applicazione di sanzioni, e si sta delineando una situazione drammatica, in cui la salute del bambino non sembra una priorità per le aziende sanitarie, che invocano, in virtú di una cinica logica ragioneristica, solo e sempre il rispetto dei cd.

"Procura di Parma ha chiesto 75 rinvii a giudizio (65 tra medici, dirigenti di case farmaceutiche, informatori scientifici) e dieci aziende"
Stop alle ricette farmaceutiche incomprensibili. Ecco le raccomandazioni del Ministero della Salute..

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde