L’OMS ammette: mancati gli obiettivi 2020 per la salute mentale

In occasione della Giornata mondiale sulla salute mentale, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) evidenzia la carenza di investimenti in questo ambito a livello globale.

Nel 2020 poco più della metà degli Stati membri, ovvero il 51%, hanno dichiarato che le politiche per la salute mentale interne si sono dimostrate allineate agli strumenti sui diritti umani. Questa percentuale è ben lontana dall’obiettivo posto della OMS, che mirava a raggiungere l’80%.

Anche per quanto riguarda i programmi di promozione e prevenzione i risultati sono al di sotto della media con il 52% di stati che hanno effettivamente raggiunto gli obiettivi.

Grazie al piano per la salute mentale, esteso al 2030, sarà possibile per gli Stati membri recuperare terreno.

Leggi il rapporto dell’OMS

Istat: ad agosto profonda flessione per il pharma
Green Pass nei luoghi di lavoro: Draghi firma il Dpcm

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde