Innovazione e Governance dei Dispositivi Medici: verso un nuovo paradigma

Il panorama dei dispositivi medici in Italia sta vivendo una fase di trasformazione accelerata, con un focus crescente sull’implementazione di una nuova governance. Recentemente, la Fondazione Mesit ha promosso la seconda conferenza nazionale sui dispositivi medici a Roma, evidenziando l’urgenza di accelerare i processi di valutazione e l’integrazione nel Servizio Sanitario Nazionale. Un punto centrale del dibattito è stato il Programma nazionale Hta, progettato per ottimizzare l’accesso e l’utilizzo dei dispositivi, ma attualmente in attesa di fondi cruciali per il suo pieno sviluppo.

Percorsi prioritari e governance efficace

Le istituzioni italiane stanno collaborando intensamente per definire una governance che non solo regoli ma anche stimoli l’innovazione nel settore dei dispositivi medici. Francesco Saverio Mennini del ministero della Salute sottolinea l’importanza di creare percorsi prioritari per le innovazioni, mentre Americo Cicchetti enfatizza la necessità di superare i vecchi modelli di gestione per adottare approcci più dinamici e orientati alla qualità.

Sfide e opportunità nel paesaggio sanitario italiano

Il confronto si concentra anche sulle disparità regionali nell’accesso ai dispositivi, con Achille Iachino del ministero della Salute che invita a una riforma seria per evitare disparità eccessive. Nel contempo, le aziende del settore puntano su regolamenti chiari e sull’uso strategico degli early feasibility studies per migliorare la competitività e ridurre le tempistiche di approvazione. Questi sforzi, infine, mirano non solo a garantire una governance più efficace ma anche a collegare strettamente la valutazione Hta ai meccanismi di rimborso, per un sistema più equo ed efficiente per tutti i cittadini italiani.

AIFA: Esplosione della spesa farmaceutica nel 2023
Nasce un nuovo Medical Magazine sull'Obesità edito da SICS

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde