Il ministro Speranza: “Da oggi nessuno pagherà più il superticket”

“Dall’1 settembre 2020, nessuno in Italia pagherà più il superticket. È una battaglia vinta. Perché la salute viene prima di tutto. Oggi è davvero un buongiorno”. Così il ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato l’entrata in vigore del provvedimento che abolisce a livello nazionale il superticket, la quota aggiuntiva di 10 euro sul ticket per le visite mediche specialistiche e gli esami clinici.

“Ogni volta – ha aggiunto il ministro – che una persona non si cura come dovrebbe per motivi economici siamo dinanzi a una sconfitta per tutti noi e a una violazione della Costituzione. Per questo a dicembre abbiamo approvato la norma che entra in vigore oggi”.

E’ stata, infatti, la legge di bilancio 2020, a prevedere, a decorrere dal 1° settembre 2020, l’abolizione della quota aggiuntiva di 10 euro sulle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale per perseguire una maggiore equità nell’accesso alle prestazioni sanitarie e superare il sistema eterogeneo determinatosi a livello regionale.

Farmacie prive di antinfluenzale: servono 1,5 mln dosi
Continuità oltre la crisi, l’industria del farmaco si tiene stretta al lavoro

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde