Emilia-Romagna: Isf categoria a rischio ma niente vaccino in via prioritaria

La maggior parte delle Regioni ha già incluso gli Informatori Scientifici del Farmaco all’interno della campagna per il vaccino anti Covid conferendo alla categoria la possibilità di ricevere il farmaco in via prioritaria. Lamberto Zannotti, presidente della sezione AIISF interprovinciale di Forlì-Cesena, ha discusso della situazione in Emilia-Romagna, dove invece gli Informatori Scientifici non rientrano nella fase 1 della campagna.

L’Emilia-Romagna è una delle 5 regioni italiane che ha deciso di non vaccinare gli Isf. Zannotti aggiunge che, secondo il parere di alcuni, gli Informatori Scientifici sono dei privilegiati in quanto per 15 regioni rientrano nelle categorie prioritarie a cui somministrare il vaccino. Tuttavia, specifica, non si tratta di venditori. Gli Informatori scientifici del farmaco sono “l’unico veicolo che le aziende hanno per far conoscere ai  medici i propri farmaci. E la conoscenza tecnico scientifica dei farmaci da parte dei medici permette loro di scegliere il farmaco più adatto alle esigenze terapeutiche di ogni singolo paziente”.

Farmaci equivalenti e la normativa italiana
Nuovo report Aifa sui farmaci biosimilari

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde