Biossido di titanio: l’additivo alimentare viene bocciato dall’Efsa

l’Efsa, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare, ha stabilito che il biossido di titanio non può più essere considerato sicuro come additivo alimentare. La conclusione giunge dopo le analisi effettuate in merito alle conseguenze dovute dal consumo di tale additivo.

Il biossido di titanio è una sostanza di origine animale ed è riportato sulle etichette con la sigla E171. Il suo impiego è largamente diffuso negli alimenti di largo consumo, tra cui dolci, caramelle, chewingum, salse e prodotti a base di pesce e formaggio.

La decisione dell’Autorità europea per la sicurezza arriva a due anni dall’appello avanzato da Altroconsumo e dalle altre associazioni europee di consumatori.

Vaccino italiano ReiThera: lo stop dalla Corte dei Conti
Nuovo regolamento europeo su dispositivi medici a base di sostanze: è caos

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde