Anche la Sicilia riconosce agli ISF il diritto al vaccino in via prioritaria

Dopo Basilicata, Campania e Calabria, anche la Sicilia riconosce agli informatori scientifici del farmaco il diritto ad accedere alla vaccinazione anti Covid in via prioritaria. Solo a Palermo e provincia, sono oltre 1.000 gli informatori attivi.

TGR Sicilia intervista la Presidente della sezione AIISF Palermo, Loredana Passafiume che esprime la propria soddisfazione: “è un gradito riconoscimento di quella che è la nostra professionalità. Il nostro ruolo non è solo quello di informare il medico sui principi attivi, su eventuali schemi posologici o effetti collaterali ma abbiamo l’importante ruolo di raccogliere i dati di eventuali eventi avversi da segnalare al Ministero della Salute”.

La Presidente aggiunge inoltre che la sezione AIISF Palermo si è resa disponibile per l’invio di elenchi che includono gli informatori scientifici del farmaco del parafarmaco e dei dispositivi medici. Passafiume garantisce inoltre che, anche in territori all’interno dei quali le sezioni FEDAIISF non sono presenti, nessuno verrà comunque escluso.

Nei pazienti il Covid è anche sulla cute: individuati 6 “campanelli di allarme”
Digital Transformation: il 56% dei Mmg ha utilizzato piattaforme digitali per le relazioni con gli Isf

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde