Reazioni avverse al vaccino anti-Covid: ne risponde lo Stato?

Sperimentare una reazione avversa al vaccino anti-Covid è un fenomeno piuttosto frequente ma con sintomi piuttosto lievi nella maggior parte dei casi e senza gravi conseguenze. Tuttavia, in alcuni casi isolati, i soggetti vaccinati sviluppano alcune reazioni di entità importante, quali ictus, infarto o trombosi. Queste persone, dunque, riscontrano danni permanenti alla salute. In questi casi, chi ha il dovere di risarcire tali danni?

Al momento nessuna sentenza o indagine penale si è pronunciata circa la correlazione tra vaccino anti-Covid e reazioni avverse. Ad ogni modo, la legge e la giurisprudenza stabiliscano che in presenza di specifiche condizioni ne risponde lo Stato. Anche nel caso del vaccino.

Primo trapianto di cuore da suino geneticamente modificato
USA: sanitari positivi al covid possono continuare a lavorare

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde