Il paziente lamenta sintomi generici, il medico non approfondisce.

Caso di condotta colposa riconosciuta dalla Corte di Cassazione ai danni di un medico colpevole non solo di non aver investigato e non aver prescritto ulteriori analisi, ma di aver anche ha taciuto a quest’ultimo – poi deceduto –  tutti i possibili significati dei sintomi rilevati.

Dopo quello bancario, il settore farmaceutico è il meglio retribuito
L’azienda farmaceutica rappresenta il titolare del trattamento dei dati anche per database presi all’esterno dell’organizzazione

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde