Reskilling ed Isf: “una professione sempreverde ma deve cambiare”

Gi Lifescience e Odm Hr consulting hanno effettuato un’analisi legata alle competenze richieste dalle aziende italiane dell’healthcare, raccogliendo i dati emersi all’interno del report “Star Matrix life science”. Lo studio è stato condotto in partnership con Confindustria Dispositivi medici, Cluster Alisei e Mind (Milano innovation district) con il contributo di Assolombarda, Federchimica-Assobiotec, Egualia e Farmindustria.

L’analisi svolta prende in considerazione i trend dei prossimi 3-5 anni all’interno delle aziende farmaceutiche, biotecnologiche e medtech presenti in Italia. Emerge la necessità di rivedere alcune professionalità tra cui quella dell’Informatore Scientifico.

Si tratta di una professione “sempreverde”, ha dichiarato Boris Errani, Division Manager Lifescience di Gi Group ma che sta già affrontando un reskilling, intensificato a causa della pandemia e aggiunge: “è un ruolo che non scomparirà mai, ma deve cambiare”.

Scarica documenti PDF

Ufficiale l'acquisizione di Arvelle Therapeutics da parte di Angelini
Il sì di Aifa agli anticorpi monoclonali ma con alcune limitazioni

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde