Palermo: Arnas Civico, ecco il regolamento aziendale per l’informazione medico-scientifica

Conforme alle direttive assessoriali, ha l’obiettivo di monitorare gli accessi per prevenzione di eventuali comportamenti illeciti. Inoltre detta le regole che devono rispettare sia gli informatori e specialist delle aziende fornitrici sia i dipendenti.

L’Arnas Civico si è dotata di un “Regolamento Aziendale per l’informazione medico-scientifica”.

Lo strumento, conforme alle direttive assessoriali in materia di Anticorruzione e Trasparenza, regola, anche attraverso sistemi di monitoraggio informatico, gli accessi presso le Unità Operative dell’Azienda di informatori e specialist delle aziende fornitrici.

Il Regolamento contiene passi innovativi in tema di monitoraggio e trasparenza degli accessi, finalizzati alla prevenzione di eventuali comportamenti illeciti, detta le regole che devono rispettare sia gli informatori e specialist delle aziende fornitrici sia i dipendenti.

Gli accessi degli informatori scientifici in Azienda saranno programmati, secondo le direttive assessoriali, censiti in un sito aziendale dove saranno monitorati dalle direzioni sanitarie di presidio e si svolgeranno in orari ben definiti in modo tale da non interferire con l’attività istituzionale e/o assistenziale dell’U.O..

La cessione di campioni gratuiti è rigorosamente regolamentata.

Sono regolamentati sia gli incontri multidisciplinari che gli “hospital meeting”, in cui sarà assicurata pure la presenza di un farmacista ospedaliero, al fine di garantire la valenza scientifica e l’assenza di qualsiasi forma di conflitto d’interessi.

L’assistenza degli specialist dovrà avvenire, per quanto possibile, al di fuori del rapporto medico-paziente, in quanto gli stessi non non sono operatori sanitari, ma possono fornire, a richiesta, un supporto tecnico-applicativo necessario all’ottimizzazione dei dispositivi utilizzati e devono ottemperare alle disposizioni sulla protezione dei dati personali degli utenti.

Così i cybercriminali attacano i medici e le strutture sanitarie
Fentanyl e i suoi fratelli, quando i farmaci hanno un lato oscuro

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde