Modena: Reso noto il nuovo Applicativo del Regolamento Regionale ISF dell’Emilia-Romagna

Si è tenuta ieri l’incontro degli ISF dell’Emilia Romagna con i componenti del Gruppo di Lavoro per l’Informazione Scientifica del Farmaco in Emilia- Romagna. Erano presenti fra i relatori i componenti sindacali degli ISF, Fedaiisf, e i Responsabili Regionali.

Il Gruppo ha constatato che le Aziende Sanitarie e Ospedaliere della Regione hanno adottato regolamenti diversi gli uni dagli altri (ben 13). Il Gruppo si è quindi posto i seguenti obiettivi: definire operatività omogenee che possano conciliare trasparenza, tracciabilità con modalità di accesso e registrazioni semplici; estendere l’applicabilità di trasparenza e trasparenza anche a figure diverse dagli ISF.

Il Gruppo di lavoro ha elaborato il documento, da poter scaricare tramite il link qui sotto. I vari regolamenti ora in vigore sono sospesi.

Il Dr. Boschini, autore della legge regionale sulla prevenzione, ha prospettato una collaborazione con gli ISF della regione, che hanno una presenza capillare sul territorio, per diffondere e divulgare negli ambulatori i concetti della prevenzione e degli stili di vita.

La Dr.ssa Solfrini ha sottolineato il nuovo approccio culturale nell’affrontare i problemi posti e la concertazione fra tutte le parti coinvolte nell’informazione scientifica: La Regione e quindi il SSR, i rappresentanti delle strutture sanitarie regionali, i medici, i rappresentanti sindacali degli ISF e l’Associazione Professionale degli ISF, Fedaiisf, Farmindustria, Assogenerici, Farmindustria dispositivi.

Il nuovo applicativo vedrà un periodo di rodaggio e di una verifica continua da parte di un Osservatorio Regionale per l’Informazione Scientifica, di cui Fedaiisf farà parte.

All’Assemblea erano presenti i rappresentanti di tutte le sezioni provinciali Fedaiisf

Scarica documenti PDF

Amazon Pharmacy, il brand viene lanciato anche fuori dagli Usa
Coronavirus in Cina. Cos’è, come si trasmette e come prevenirlo. Ecco il vademecum dell’Iss

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde