L’appello per la ripartenza dagli Informatori Scientifici del Veneto

L’appello alla ripartenza delle visite in presenza, da parte degli Informatori Scientifici del Veneto al governatore Luca Zaia, arriva tramite un’istanza inviata dal presidente nazionale dell’Associazione Italiana Informatori Scientifici del Farmaco (Aiisf), Angelo Baruchello, a nome di tutta la categoria.

«Lo smart working non è assolutamente l’essenza della nostra professione che è invece basata sul contatto diretto per uno scambio di informazioni istantaneo con tutto il personale sanitario interessato» sottolinea il dottor Baruchello «siamo e ci poniamo come dei consulenti per i medici e il rapporto umano e di fiducia è l’aspetto fondamentale per lo sviluppo e la crescita della nostra professione e l’ottimizzazione del lavoro che facciamo».

Non si esclude la riorganizzazione del lavoro, regolamentando gli appuntamenti e rispettando i protocolli necessari. «L’Aiisf domanda di poter riprendere l’attività di informazione scientifica del farmaco, al fine di scongiurare gravi ripercussioni di carattere occupazionale».

Monza, licenziamenti: c’è l’accordo tra Rottapharm Biotech e sindacati
Via libera in Europa alla prima terapia genica per la Sma

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde