Coronavirus, «dare garanzie al lavoro» anche per le P. IVA

Vertice al ministero del Lavoro tra governo e sindacati che chiedono “un provvedimento che copra tutti i lavoratori, non solo della zona rossa”. Landini: “Serve un coordinamento tra tutti i ministeri”. Catalfo: 21 milioni per la cig in deroga

“Un provvedimento in grado di coprire tutti i lavoratori, non solo della zona rossa, ma tutti quelli che saranno coinvolti”. Lo hanno chiesto le organizzazioni sindacali nel corso del tavolo al ministero del Lavoro sul Coronavirus che si è svolto nella serata di martedì 25 febbraio.

“È necessario utilizzare le risorse, estendere una serie di ammortizzatori che già ci sono e utilizzare la cassa in deroga”, ha spiegato al termine del confronto il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, che ha definito “interlocutorio” l’incontro, anche a causa del concomitante consiglio dei ministri. “Abbiamo ribadito la necessità di un coordinamento tra tutti i ministeri – ha aggiunto Landini – e che la presidenza del Consiglio ci convochi. E abbiamo anche chiesto di conoscere il testo prima che venga varato il decreto”. “E’ necessario – ha concluso – che si indichi un percorso comune di prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro”.

Secondo quanto comunicato dalla ministra Catalfo nel decreto allo studio del governo ci sarebbe la cig in deroga per le aziende sotto i sei addetti e per chi non ha strumenti di sostegno al reddito nelle zone rosse. Per questo intervento lo stanziamento previsto sarebbe di 21 milioni di euro. Una cifra definita “insufficiente” da Annamaria Furlan, segretaria generale della Cisl. “La garanzia che abbiamo chiesto per la cig in deroga è che si preveda una cifra che faccia stare tranquilli i lavoratori – ha detto – La situazione potrebbe diventare molto complicata e meno male che c è lo smart working che può essere uno strumento valido, ma che deve essere però rispettoso del contratto nazionale, quindi senza accordo deve durare un periodo molto breve. Ci hanno parlato di 15 giorni”.

Per i lavoratori autonomi e partite Iva delle zone rosse colpite dal Coronavirus sarà prevista invece un’indennità fino a 500 euro per un massimo di tre mesi.

Covid-19 - Situazione in Italia al 25 febbraio 2020, ore 18.00
Cardiologia, Janssen e Apple danno il via a studio per rilevare la fibrillazione atriale tramite iPhone e Watch

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde