Il contratto a termine può concludersi prima della scadenza?

Il contratto a termine può concludersi prima della scadenza? La risposta è sì, per decisione di entrambe le parti, ovvero datore e dipendente, ma solo in presenza di specifiche motivazioni.

Facendo un passo indietro, per contratto a tempo determinato intendiamo una forma contrattuale caratterizzata dal lavoro subordinato del dipendente in un arco temporale predefinito. Tale tempistica è esplicitata dalla presenza di un termine che, in base alle normative vigenti, non può superare i 24 mesi dalla data di inizio. Questo orizzonte temporale è in realtà stato modificato dal Decreto Legge 12 luglio 2018 che ha accorciato la durata massima a 12 mesi con possibilità di proroga solo in presenza di queste particolari condizioni:

  • Esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività;
  • Sostituzione di altri lavoratori;
  • Necessità connesse a incrementi temporanei, significativi e non programmabili, dell’attività ordinaria.

Resta ad ogni modo ferma la durata massima del contratto che non può superare i 24 mesi, incluse proroghe, salvo diverse disposizioni previste dal CCNL di riferimento o stipulate dalle associazioni sindacali nazionali.

Quando il contratto a termine può concludersi prima della scadenza: le condizioni

In base alle leggi in vigore è possibile interrompere il contratto prima della scadenza.

Dal punto di vista dell’azienda è possibile in presenza di licenziamento per giusta causa. Tale situazione si presenta nel momento in cui il dipendente si rende colpevole di comportamenti che rendono impossibile il prosieguo del rapporto di lavoro.

Per quanto concerne invece il lavoratore, è sempre possibile nel rispetto del preavviso richiesto rassegnare le dimissioni o propendere verso una risoluzione consensuale con l’azienda. In questo caso, è possibile risolvere il contratto in sede protetta (es. sede sindacale o l’Ispettorato Territoriale del Lavoro) compilando ed inviando per via telematica l’apposito modulo.

Quando contratto a termine non può concludersi prima della scadenza

Le condizioni che non rendono possibile il licenziamento del lavoratore prima della scadenza del contratto sono:

  • giustificato motivo oggettivo: motivazioni legate all’attività produttiva o all’organizzazione
  • per motivo soggettivo: in presenza di un notevole inadempimento degli obblighi contrattuali del prestatore di lavoro
Pfizer scivola in Borsa. Spiegate le ragioni
Farmaci: Weekly Update del 13 febbraio

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde