Contenuti digitali modulari e Informazione Scientifica

Nel 2020, la produzione di contenuti digitali nel settore del Life Science è salita alle stelle. Durante la pandemia, i team impegnati sul campo, come gli Informatori Scientifici, non hanno avuto altra scelta che collaborare a distanza con gli operatori sanitari, con un conseguente aumento pari a quattro volte del volume di contenuti digitali e di posta elettronica.

Ma la chiave per gestire questi nuovi scenari in maniera ottimale non è solo legata alla creazione di più contenuti digitali. L’obiettivo primario è quello di garantire ai team commerciali la possibilità di distribuire rapidamente e in modo corretto dei contenuti rilevanti e personalizzati in base alle preferenze dell’interlocutore.

In qualità di consumatori, tutti ricerchiamo esperienze personalizzate e le aspettative delle persone nel mondo del lavoro non sono diverse. McKinsey evidenzia la necessità di creare “contenuti rapidamente personalizzati” come uno degli imperativi chiave per le aziende farmaceutiche che desiderano rivalutare i propri modelli commerciali.

Ed è più facile a dirsi che a farsi. Le complicazioni legate a revisioni mediche, legali e normative, che possono richiedere mesi, spesso rendono difficile ottenere l’approvazione rapida di nuovi contenuti.

Leggi l’articolo tradotto in italiano da Google

Leggi l’articolo originale in lingua inglese

Medtech: i gap del mercato europeo
Marattin sulla riforma fiscale dei fondi pensione: nessuna stangata

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde