Le dinamiche del mercato dei biosimilari

Secondo il settimanale The Economist i biosimilari possono essere una delle chiavi di volta per la soluzione del problema dell’eccessivo costo del sistema sanitario in USA, dove meno del 2% della popolazione può permettersi le più avanzate ed efficaci terapie che costituiscono però il 35% della spesa totale del paese.

I biosimilari sono di fatto farmaci che funzionano come i farmaci originali ma hanno il vantaggio di avere prezzi più accessibili. I primi biosimilari sono stati approvati in Europa nel 2004 e nel 2010 in USA.  Il caso probabilmente più emblematico è quello di Humira, il farmaco contro l’artrite reumatoide e morbo di Crohn venduto da AbbVie e che genera circa $20bn all’anno, che è un fatturato che lo posizione come farmaco più venduto al mondo.

Decreto fiscale, in ballo oltre 500 milioni per le Regioni
Milano, tagli alla Sanofi: sul piede di guerra 75 informatori

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde