L’accordo tra Bristol-Myers Squibb e Celgene, alcune riflessioni in merito

Ieri i mercati hanno aperto con una grande sorpresa, l’acquisizione da $74bn di Celgene da parte di Bristol-Myers Squibb.

L’operazione messa in atto sembrerebbe una tra le più importanti nel settore farmaceutica, supererebbe anche quella di Shire da parte della giapponese Takeda e e anche quella di Pfizer che acquistò Warner Lambert.

Con questa azione, la BMS si afferma uno dei più grandi gruppi nel settore farmaceutico caratterizzato da una capitalizzazione di oltre 130 miliardi di dollari portandolo ai vertici del settore oncologico e cardiologico.

Cancro: da uno studio italiano risultati incoraggianti
Emicranea, arriva un piccolo dispositivo per evitare i farmaci

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde