Export, sono Firenze e Latina i distretti che crescono di più

Nel manifatturiero la città toscana sale al quinto posto, un passo dopo Brescia. Nel Lazio grandi risultati dei prodotti medicinali. Bologna davanti a Bergamo

Da un lato pelle e farmaci. Dall’altro meccanica e auto. Il chiaro-scuro dell’export tricolore non determina solo il posizionamento delle medie ma va a ridisegnare anche il peso relativo delle aree a maggior vocazione internazionale, modificando equilibri consolidati da tempo.

[…]

La farmaceutica spinge Latina
Se Firenze sorride con pelle e calzature, portandosi ad una manciata di milioni dai volumi globali di Brescia, a spingere invece Latina al secondo posto per crescita dell’export è il comparto farmaceutico. Anche in questo caso a far lievitare i volumi sono le scelte di aziende italiane ma soprattutto di multinazionali. Realtà in entrambi i casi insediate in passato nel territorio, ora rilanciato con nuovi investimenti, più linee produttive, nuove assunzioni.

Grazie ai farmaci Latina vede lievitare in nove mesi il proprio export di 1,8 miliardi di euro, diventando la prima provincia italiana per vendite oltreconfine di queste produzioni davanti a Milano e migliorando di nove posizione la classifica assoluta (ora è 18esima). In nove mesi il valore dell’export di settore passa da 3,1 a quasi cinque miliardi, così come in forte crescita nella medesima area è Frosinone, che aggiunge nello stesso periodo 1,3 miliardi, portando così l’intero Lazio a valere un terzo dell’export nazionale di farmaci, con volumi cresciuti del 50% in un anno.

[continua…]

Generici e biosimilari: Hanan Sboul alla guida dell’associazione mondiale
C’è l’immunoterapia dietro alla cessione della Bristol Myers Squibb di Anagni

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde