Export, crescita a due cifre per i prodotti farmaceutici

Ma è una delle poche  buone notizie per le imprese della provincia che registrano un trend al di sotto di quello regionale e nazionale

PISA. Crescono le esportazioni di calzature, abbigliamento e farmaci, diminuiscono quelle del cuoio e dei motocicli. Nel primo semestre dell’anno, l’export pisano rallenta e registra un modesto +1,2% a fronte di una crescita della domanda mondiale stimata in +4,3%. Un valore, quella della provincia di Pisa, inferiore a quello toscano e nazionale, che registrano risultati superiori (+2,3% e +3,7%), ma non incoraggianti. A Pisa, il risultato complessivo è frenato dalle principali specializzazioni provinciali: conciario (-3,0%), motocicli (-7,2%) e meccanica generale (-7,3%) mentre avanzano calzature, abbigliamento, mobili e farmaceutica.

Straordinaria trimestrale di Eli Lilly e il gruppo tocca il valore record di capitalizzazione di $110 miliardi
Milano, 12 novembre presidio lavoratori Sanofi contro i licenziamenti

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde