Dispositivi medici: quattro categorie assorbono il 47% della spesa pubblica

Quattro categorie di dispositivi medici, assorbono circa la metà della spesa pubblica italiana relativa a questo segmento. Si tratta di protesici impiantabili, diagnostici in vitro, cardiovascolari e e quelli dedicati alla somministrazione al prelievo di campioni per le analisi. La percentuale è pari al 47% e i dati si riferiscono al 2020, su un totale spesa di 116 miliardi di euro.

I dati sono stati comunicati da Claudia Biffoli, responsabile della Direzione generale della digitalizzazione del sistema informativo sanitario e della statistica del Ministero della Salute, durante il secondo corso di farmacia clinica “Dati e indicatori di performance come utilizzarli per migliorare il governo clinico”.

Nature: dubbi sul mix di vaccini Covid
Il ruolo del dark web nel traffico di medicinali

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde