Corte dei Conti, 2 miliardi di sforamento tetto spesa diretta

Nel 2018 aumentati ticket su farmaci e prestazioni

Nel 2018 “gli acquisti diretti di farmaci eccedono il limite per oltre 2,2 miliardi e si conferma il superamento dei tetti per i dispositivi medici (per oltre il 24%)”. Lo afferma la Corte dei Conti nel rapporto 2019 sul coordinamento della finanza pubblica.

“Sul fronte delle entrate, crescono dell’1,1% le compartecipazioni sulle prestazioni sanitarie. Prendendo in considerazione anche i ticket sui farmaci, il contributo complessivo richiesto ai cittadini cresce nel 2018 del 2,6%. Aumenta, inoltre, in quasi tutte le Regioni il contributo alle entrate del ‘payback’ per lo sfondamento dei tetti degli acquisti diretti di farmaci.

La piena attuazione delle misure adottate nel corso del 2018, su proposta dal Tavolo di lavoro sulla governance dei farmaci e dei dispositivi medici, per superare le attuali criticità – prosegue il documento – potrebbe agevolare la definitiva conclusione del contenzioso con le aziende farmaceutiche.

Emergono dagli ultimi dati disponibili (relativi al 2017) le difficoltà a garantire in tutto il Paese adeguati livelli di assistenza, soprattutto per l’insufficienza della rete di assistenza domiciliare o di strutture specifiche rivolte ad anziani e disabili, l’eccessivo numero di parti cesarei primari e livelli di prevenzione al di sotto della soglia critica.

Un quadro che il monitoraggio sperimentale sui dati 2016, ai sensi del Nuovo sistema di garanzia, non fa che confermare, evidenziando come tali criticità siano presenti in quasi tutte le aree territoriali”. Si tratta di criticità “spesso non riconducibili alla sola questione delle risorse finanziarie ma che hanno le radici in una carente governance locale”.

Francesco Maggi

Pharma Kronos – 30 maggio 2019 – n. 99 – anno 13

Epatite e curcuma: mancano ancora evidenze per delineare un nesso diretto
EMA: approvati quattro nuovi farmaci alla riunione di maggio

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde