Zambon acquista la biotech Breath Therapeutics per 140 milioni di euro

Zambon ha annunciato l’acquisizione della biotech Breath Therapeutics dal fondo di venture capital Sofinnova Partners. Grazie a questa operazione, il gruppo farmaceutico acquisirà la società specializzata in terapie inalatorie advanced e first-in-class per gravi malattie respiratorie nel portafoglio del venture, sborsando un anticipo di 140 milioni di euro (con la possibilità di arrivare a un totale di 500 milioni di euro al raggiungimento di obiettivi regolatori e commerciali).

Breath therapeutics nella scuderia di Zambon

Breath Therapeutics, con sede a Monaco e a Menlo Park, è una biofarmaceutica specializzata in terapie inalatorie avanzate per il trattamento delle malattie respiratorie gravi, che non hanno ancora valide opzioni di cura, come la sindrome da bronchiolite obliterante (Bos) nella quale è impegnata con il programma Boston.

Il farmaco di Breath, selezionato per lo sviluppo clinico, è una innovativa formulazione liposomiale della cliclosporina A (L-CsA-i), disegnata per la somministrazione inalatoria con il nebulizzatore progettato da Pari specificatamente per questa molecola. Breath ha avviato a livello globale due studi di fase III (Boston -1 e -2) per valutare la molecola L-CsA-i per il trattamento della Bos. Zambon prevede di ottenere dati dagli studi clinici di fase III nel 2021. Inoltre il gruppo punta a poter commercializzare il trattamento entro il 2023, in seguito alle approvazioni regolatorie della Food and drug administration (Fda).

Spinraza: la risposta di Biogen ad Altroconsumo
USA: nuovo farmaco in sviluppo per Alfasigma

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde