Viagra: la battaglia dei produttori di generici per il mercato del Sildenafil

Il Viagra, inizialmente sviluppato come farmaco per prevenire l’infarto, si è rivelato un rivoluzionario trattamento per la disfunzione erettile, migliorando la vita sessuale di milioni di persone. Ora, con la scadenza del brevetto del citrato di sildenafil, il principio attivo del Viagra, il mercato si apre a numerosi produttori di generici.

Questo cambiamento porterà a una significativa riduzione del prezzo del farmaco, fino al 40%. Attualmente, una confezione da quattro compresse costa circa 54 euro, ma con l’arrivo dei generici il costo potrebbe ridursi di 20-25 euro per confezione.

Pfizer, che ha prodotto il Viagra, ha visto le sue entrate crescere enormemente ma ora dovrà affrontare la competizione. Solo in Italia, negli ultimi dieci anni, sono state vendute 60 milioni di pillole. Con la riduzione dei prezzi, le vendite potrebbero aumentare ancora di più.

La scoperta del Viagra risale al 1986 nei laboratori di Pfizer in Inghilterra, dove i ricercatori stavano sviluppando un trattamento per l’angina pectoris. Durante le sperimentazioni, è stato osservato un effetto collaterale inatteso: l’aumento della capacità erettile. Nel 1998, la FDA ha approvato il Viagra come primo trattamento orale per la disfunzione erettile, cambiando radicalmente il panorama della salute sessuale e rendendo il farmaco un fenomeno globale.

Cresce l'uso di Antibiotici e Cortisonici nei Bambini: dati 2024
Fda: no al primo trattamento a base di Mdma per disturbo post-traumatico da stress

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde