Teva chiude la produzione a Nerviano

Martedì 20 aprile, l’azienda multinazionale Teva ha annunciato la cessazione dell’attività produttiva di Nerviano. Sono 350 i lavoratori coinvolti, i quali hanno appreso la notizia come un fulmine a ciel sereno.

I rappresentanti sindacali di Filctem Cgil Ticino Olona, Femca Cisl Milano Metropoli e Uiltuc Milano hanno organizzato un incontro con la proprietà che si è tenuto mercoledì 21. L’obiettivo è quello di spingerli a rivedere la scelta annunciata.

Secondo l’opinione dei sindacalisti la decisione non è legata all’emergenza sanitaria, piuttosto ad una cattiva gestione del patrimonio lasciato da Actavis, rilevata proprio da Teva nel 2016. I vertici aziendali hanno tuttavia comunicato che si è registrata una perdita dei volumi di produzione pari al 75%.

Il settore farmaceutico sta davvero cambiando?
AIFA: report monitoraggio dei farmaci biosimilari

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde