Takeda: truffa di un ex dipendente per 2,3 milioni

Priya Bhambi, ex dipendente senior nel gruppo delle operazioni tecnologiche di Takeda, si è dichiarata colpevole di aver truffato la multinazionale farmaceutica per 2,3 milioni di dollari attraverso una falsa società di consulenza chiamata Evoluzione Consulting.

In collaborazione con un presunto complice, Bhambi ha creato un sito web fittizio e firmato un contratto di servizi con Takeda per 3,5 milioni di dollari, ottenendo il pagamento di cinque fatture da 460.000 dollari ciascuna.

I fondi rubati sono stati utilizzati per l’acquisto di un anello di fidanzamento, un appartamento da 1,87 milioni di dollari, una Mercedes-Benz Model E e per pagare una location per il matrimonio. Le autorità hanno rivelato che Bhambi ha fornito false dichiarazioni ai colleghi di Takeda quando questi hanno iniziato a sospettare delle fatture. Una dichiarazione giurata dell’FBI ha svelato che la frode è iniziata all’inizio del 2022 e che Bhambi ha comunicato con il complice tramite messaggi di testo per orchestrare il piano.

L’indagine interna di Takeda ha portato al licenziamento di Bhambi a novembre 2022. Il tribunale ha già sequestrato la Mercedes, oltre 1 milione di dollari e quasi 50.000 dollari dal deposito della location del matrimonio, e sta cercando di recuperare l’appartamento. Bhambi rischia fino a 20 anni di carcere, tre anni di rilascio controllato e una multa fino al doppio dei guadagni ottenuti illecitamente.

AIFA istituisce tavolo tecnico per revisione delle Note e dei Piani Terapeutici
Nuovi limiti sui PFAS: l'America Interviene, l'Europa segue

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde