Takeda ha pagato 1 miliardo di dollari consulenti esterni ed avvocati consultati per l’acquisizione di Shire

Christophe Weber, CEO della giapponese Takeda, sta vivendo un momento contradditorio. Il manager francese sta infatti godendo un momento di notorietà dovuto all’acquisizione di Shire, che è la più grande acquisizione mai messa a segno da un gruppo giapponese, ma al contempo sta fronteggiando la resistenza di una minoranza degli azionisti che si oppone all’acquiszione che sarà votata l’8 gennaio. In particolare il 10% degli azionisti vede nell’acquiszione un errore fatale che porterà alla distruzione di valore per tutti gli azionisti e aumenterà l’indebitamento del gruppo a 5xEBIT.

‘Ndrangheta, “Quinta Bolgia”: arrestato anche l’ex dg dell’Asp di Catanzaro. Tutti i nomi degli indagati
Diabete, i nuovi farmaci che riducono anche il rischio di infarto e ictus

Flash news simili

Editoriali

L’esperto risponde